Quando l’alba dei morti dementi incontra l’America : una battuta cambia tutto

Cropped Icon Primissima.png
By Djamila Lazri Pubblicato il 9 Luglio 2024 18h30
Quando l'alba dei morti dementi incontra l'America : una battuta cambia tutto
Quando l'alba dei morti dementi incontra l'America : una battuta cambia tutto

Quando si tratta di cinema, le differenze culturali possono portare a modifiche sorprendenti. Una singola parola ha il potere di cambiare completamente il senso di una battuta, specialmente quando un film britannico come L'alba dei morti dementi attraversa l'oceano verso il pubblico americano. Scopriamo insieme quale è stata questa modifica e come ha influenzato la percezione del film negli Stati Uniti.

Il dilemma di una sola parola

Il regista Edgar Wright e l'attore Simon Pegg avevano creato una pellicola intrinsecamente britannica, dove l'umorismo e le situazioni erano strettamente legate alla cultura del Regno Unito. Tuttavia, una singola espressione in una delle scene più memorabili ha richiesto una riflessione profonda per non confondere il pubblico americano. Nella scena, i protagonisti, Shaun e Ed, incontrano una ragazza che sembra ubriaca nel loro giardino. La battuta originale di Shaun era "Oh my God, she's pissed!", che nel contesto britannico significa "è ubriaca fradicio", ma negli USA "pissed" si traduce in "incazzato". Questa differenza ha portato a una modifica significativa.

La scelta di cambiare pissed in drunk per evitare malintesi mostra come anche i dettagli più piccoli possano avere un grande impatto sul successo internazionale di un film. Questo cambiamento, benché minimo, è stato fondamentale per mantenere l'efficacia comica della scena senza perdere il pubblico americano in traduzioni errate.

Un film fedele alle sue radici

Nonostante la modifica, Simon Pegg e Edgar Wright furono fermi nel loro intento di realizzare un film profondamente radicato nella cultura britannica. La loro opera, L'alba dei morti dementi, non fece quasi nessuna concessione per adattarsi agli umori e ai riferimenti culturali più ampi e internazionali. Questa decisione di rimanere autentici alla propria visione artistica ha reso il film un fenomeno culturale, apprezzato sia nel Regno Unito che all'estero.


Il rischio di non essere compresi o di non essere distribuiti al di fuori del Regno Unito era alto, ma la decisione di mantenere il film "molto, molto britannico" ha pagato in termini di identità culturale e successo critico. La pellicola è diventata un punto di riferimento per gli appassionati del genere, dimostrando che la fedeltà a una specifica visione culturale può trascendere le barriere geografiche e resonare con un pubblico globale.

La storia dietro a queste scelte creative rivela quanto sia complessa la produzione di un film destinato a viaggiare oltre i confini nazionali. L'alba dei morti dementi rimane un esempio eccellente di come il cinema possa essere allo stesso tempo profondamente locale e universalmente riconoscibile.

Cropped Icon Primissima.png

Mi chiamo Mila, sono una redattrice appassionata nel campo della finanza per Primissima.it. La mia avventura nel mondo finanziario è iniziata durante i miei studi universitari in Economia e Gestione delle Imprese. Da allora, mi dedico alla scrittura e all'analisi di tendenze di mercato, strategie di investimento e notizie economiche, con l'obiettivo di rendere i concetti finanziari accessibili a tutti.

Nessun comment su «Quando l’alba dei morti dementi incontra l’America : una battuta cambia tutto»

Lascia un comment

* Required fields